l'evento è terminato

TALK03 / IL PORTO COME PATRIMONIO E PAESAGGIO CONDIVISO

Gratis

Luogo

Data

Oct 11 2020 14:00 - 18:00

Descrizione

Il porto influenza la forma di tutta la città. Non solo introducendo tecnologie, specie esogene e capitale, ma anche idee, sistemi di controllo e forze politiche che plasmano il tessuto urbano. 

Gli interventi inseguiranno le idee di città che attraverso i porti si sono diffuse per costruire habitat umani

Forme architettoniche e principi urbani trasportati - regolari o di contrabbando - insieme a spezie, container e corpi tra i porti di tutto il mondo.


Talk anche in streaming su zonesportuaires-genova.net e su facebook/zpgenova


14:00  Apertura lavori / Prima sessione

modera: Michele Manigrasso / Osservatorio Paesaggi Costieri Italiani 

14:15  José Sanchez Association Internationale Villes Portuaires

14:30 Isabella Inti Tempo Riuso PoliMi

14:45 Giorgio Peghin DICAAR Università di Cagliari 

15:00 Sergio Prete Presidente Autorità di Sistema Portuale del Mar Ionio - Porto di Taranto

15:15 Fiorella Bellora, Rete Uruguay / Association for the Collaboration between Ports and Cities


15:30 -15:45 Pausa


15:45 Seconda sessione

modera: Federico Godino Artribune & SBA

16:00 Stefano Boeri Stefano Boeri Architetti

16:15 Chiara Nifosì Politecnico di Milano

16:30 Beatrice Moretti DAD Università degli studi di Genova

16:45 Rossella Ferorelli SMALL

17:00 Giovanni Glorialanza False Mirror Office

17:15 Marco Grattarola e Duccio Prassoli AGORA’ Magazine


17:45 - 18:00 Conclusioni

modera: Mattia Villani Ordine degli Architetti di Genova


IL TALK E' PARTE DEL CONVEGNO PORTO: SPAZIO PUBBLICO

a cura di: U-BOOT Lab / INCONTRI IN CITTA' / ORDINE DEGLI ARCHITETTI PPC DI GENOVA

La partecipazione in presenza da diritto a 4 CFP per gli Architetti iscritti all'Ordine


ATTENZIONE / Misure per il contenimento della diffusine del Covid-19

  • Per garantire la sicurezza di tutti gli spettatori l’ingresso sarà consentito solo previa esibizione del biglietto nominativo.
  • Non sarà consentito l’accesso in caso di temperatura corporea superiore a 37,5°.
  • Per tutti gli spettatori vige l’obbligo di utilizzo della mascherina, non sarà ammesso l’accesso alle persone sprovviste.
  • All’ingresso gli spettatori dovranno provvedere all’igienizzazione delle mani tramite gel igienizzante messo a disposizione dallo staff ZPGE.
  • Durante l'evento gli spettatori dovranno disporsi secondo le indicazioni dello staff e mantenere una distanza interpersonale di almeno 1 metro gli uni dagli altri.

Grazie per la collaborazione!

Lo Staff Zones Portuaires / Genova


Organizzatore

Zones Portuaires è un progetto interdisciplinare dedicato alle Città di Porto, che promuove l’incontro e lo scambio tra il mondo al di là delle cinte doganali e lo spazio urbano.

Nato a Marsiglia nel 2008, dal 2015 Zones Portuaires si tiene come Festival anche a Saint-Nazaire, sull’Atlantico, ed è approdato a Genova con l’obiettivo di contribuire al confronto interdisciplinare tra Porto e Città, al fine di rafforzare la reciproca conoscenza, attraverso l’apertura straordinaria al pubblico di luoghi normalmente inaccessibili.

Negli anni il Festival si è evoluto in un progetto ampio e costante, configurandosi come un dispositivo che attiva percorsi di ricerca e azione culturale, attraverso un approccio che include la partecipazione attiva delle comunità portuali in tutte le sue fasi.

La contaminazione tra diversi linguaggi artistici e multidisciplinari stimola l’interesse di un vasto pubblico, che include cittadini e visitatori di ogni età e provenienza, e innesca nuove dinamiche di interazione tra enti pubblici e privati.

L’identità portuale è svelata e valorizzata attraverso esplorazioni, navigazioni, azioni artistiche ‘site-specific’, incontri, esposizioni, performance, negli spazi pubblici e interstiziali tra città e porto.

A Genova il progetto è curato dall’Associazione U-BOOT Lab e promosso da Incontri in Città (DAFiSt – UniGE).

Luogo dell'evento

Sala del Munizioniere Sala del Munizioniere, Palazzo Ducale, 16139 Genova

FAQ

  • Non ho ricevuto il mio biglietto tramite email. Cosa devo fare?

    La prima cosa da fare è controllare i tuoi filtri di spam/posta indesiderata e le tue caselle di posta in arrivo. I tuoi biglietti sono stati inviati come allegato e alcuni servizi email tendono a considerarli come spam. In alternativa, puoi sempre trovare i tuoi biglietti all'interno del tuo account Billetto, a cui puoi accedere tramite browser o app Billetto dedicata. Per ulteriore assistenza, leggi qui.

  • Desidero annullare il mio biglietto e ricevere un rimborso. Cosa devo fare?

    L'approvazione dei rimborsi è a sola discrezione dell'organizzatore, e dovresti metterti in contatto con l'organizzatore dell'evento per discutere le opzioni a tua disposizione. Per contattare l'organizzatore dell'evento, non devi far altro che rispondere alll'email di conferma del tuo ordine oppure utilizzare il modulo "Contatta l'organizzatore" sul profilo dell'organizzatore. Per ulteriore assistenza, leggi qui.

  • Mi sono registrato sulla lista d'attesa, e adesso?

    Se vengono resi disponibili altri biglietti, riceverai una notifica (tramite email) assieme agli altri iscritti alla lista. L'acquisto avviene in base all'ordine delle richieste effettuate. Per ulteriori informazioni, leggi qui.

  • Dove trovo un link a un evento online?

    Controlla la pagina di conferma o l'email di conferma del tuo ordine. Solitamente, l'organizzatore dell'evento fornisce i dettagli nell'email di conferma dell'ordine, oppure in un'email successiva contenente un link all'evento online. Puoi anche leggere la descrizione dell'evento su Billetto, dove l'organizzatore dell'evento dovrebbe descrivere le modalità per accedere all'evento online. Per ulteriori informazioni, leggi qui.

  • Cos'è la Protezione Rimborso e perché dovrebbe servirmi?

    La Protezione Rimborso ti fornisce la garanzia che, laddove circostanze imprevedibili e inevitabili interferiscano con la tua possibilità di partecipare a un evento, potrai richiedere un rimborso. Per ulteriori informazioni, leggi qui.